Pazienti esperti

Pazienti esperti

Questo articolo è per Professionisti medici

Gli articoli di riferimento professionale sono progettati per l'uso da parte di professionisti della salute. Sono scritti da medici del Regno Unito e basati su prove di ricerca, linee guida britanniche ed europee. Potresti trovare uno dei nostri articoli sulla salute più utile.

Il supporto all'autogestione dei pazienti è un componente chiave per un'assistenza efficace e risultati migliori per i pazienti. Il supporto all'autogestione va oltre la tradizionale educazione del paziente basata sulla conoscenza per includere processi che sviluppano le capacità di risoluzione dei problemi del paziente, migliorare l'autoefficacia e supportare l'applicazione delle conoscenze nelle situazioni di vita reale che contano per i pazienti.[1] Ci sono prove da studi che:[2]

  • I programmi che insegnano le abilità di autogestione sono più efficaci dell'educazione del paziente solo per informazione nel migliorare i risultati clinici.
  • L'educazione all'autogestione può migliorare i risultati e può ridurre i costi per i pazienti con malattie croniche.
  • Programmi di educazione autogestita che riuniscono pazienti con una varietà di condizioni croniche possono migliorare i risultati clinici e ridurre i costi.

Tuttavia, sono necessarie ulteriori ricerche per esplorare i risultati a lungo termine e l'impatto dell'autogestione sui risultati clinici e per identificare i responder e i non responder.[3]

I pazienti esperti sono definiti come persone che vivono con condizioni di salute a lungo termine che sono in grado di assumere un maggiore controllo sulla loro salute comprendendo e gestendo le loro condizioni, portando a una migliore qualità della vita. Diventare un paziente esperto è di potenziamento per le persone con malattie croniche.

Secondo la ricerca, le persone che si sono formate nell'autogestione tendono ad essere più sicure e meno ansiose.[4] I programmi di autogestione hanno dimostrato di avere benefici per i pazienti con alcune malattie (ad esempio, malattia polmonare ostruttiva cronica).[5]Tuttavia, non sono state trovate prove a favore dell'autogestione di altre malattie (ad es. L'osteoartrosi).[6]

Il concetto di paziente esperto è stato considerato per condizioni croniche specifiche per molti anni e ora ha assunto un alto profilo all'interno del sistema sanitario nazionale nel suo insieme. Self Management UK offre corsi progettati per aiutare i pazienti con condizioni a lungo termine - offrire alle persone gli strumenti, le tecniche e la sicurezza per gestire meglio le loro condizioni quotidianamente.[7]

L'obiettivo è che i pazienti esperti dovrebbero:

  • Sentiti sicuro e in controllo delle loro vite.
  • Mirare a gestire le loro condizioni e il loro trattamento in collaborazione con i professionisti sanitari.
  • Comunicare efficacemente con i professionisti ed essere disposti a condividere la responsabilità per il trattamento.
  • Essere realistici sull'impatto della propria malattia su se stessi e la propria famiglia; e
  • Usa le loro capacità e conoscenze per condurre una vita piena.

I corsi per pazienti esperti si svolgono per sei settimane (due ore e mezza a settimana). Sono consegnati da persone che vivono con una condizione a lungo termine o da persone che hanno esperienza diretta di vivere con qualcuno che ha una condizione a lungo termine. Esistono numerosi tutor bilingui accreditati che possono erogare i corsi nelle lingue comunitarie in modo culturalmente appropriato. Ci sono anche corsi per genitori di bambini con condizioni croniche e corsi interattivi basati sul web sono stati sviluppati per imparare a gestire le questioni quotidiane legate alla convivenza con condizioni di salute a lungo termine.[7] In questi programmi, le persone imparano una varietà di abilità rilevanti, che includono:

  • Definendo gli obiettivi.
  • Scrivere un piano d'azione.
  • Capacità di risoluzione dei problemi.
  • Fitness ed esercizio fisico.
  • Respirazione migliore (ai partecipanti viene insegnata la respirazione diaframmatica).
  • Gestione della fatica.
  • Mangiare sano.
  • Abilità di rilassamento
  • Comunicazione con la famiglia.
  • Funzionando meglio con gli operatori sanitari, compresa la comunicazione più efficace con loro.
  • Fare un uso migliore dei farmaci.

Informazioni sui corsi sono disponibili sul sito Web di Self Management UK.[7]

hai trovato questa informazione utile? no

Grazie, abbiamo appena inviato un'email di sondaggio per confermare le tue preferenze.

Ulteriori letture e riferimenti

  • Shaw J, Baker M; "Paziente esperto": sogno o incubo? BMJ. 2004, 27 marzo 2008 (7442): 723-4.

  1. Coleman MT, Newton KS; Supportare l'autogestione in pazienti con malattia cronica. Sono un medico di famiglia. 2005 Oct 1572 (8): 1503-10.

  2. Bodenheimer T, Lorig K, Holman H, et al; Autogestione del paziente delle malattie croniche nelle cure primarie. JAMA. 2002 Nov 20288 (19): 2469-75.

  3. Franek J; Interventi di supporto autogestito per le persone con malattie croniche: un'analisi basata sull'evidenza. Ont Health Technol Valutazione Ser. 2013 set 113 (9): 1-60. eCollection 2013.

  4. Lorig KR, Ritter P, Stewart AL, et al; Programma di autogestione della malattia cronica: 2 anni di stato di salute e risultati di utilizzo dell'assistenza sanitaria. Cura medica. 2001 novembre39 (11): 1217-23.

  5. Zwerink M, Brusse-Keizer M, van der Valk PD, et al; Autogestione per i pazienti con malattia polmonare ostruttiva cronica. Cochrane Database Syst Rev. 2014 Mar 193: CD002990. doi: 10.1002 / 14651858.CD002990.pub3.

  6. Kroon FP, van der Burg LR, Buchbinder R, et al; Programmi di educazione autogestita per l'osteoartrite. Database Cochrane Syst Rev. 2014 Jan 151: CD008963. doi: 10.1002 / 14651858.CD008963.pub2.

  7. Self Management UK

Gestione dell'asma per adulti

Diversi livelli di evidenza