Dolore da dolore di periodo

Dolore da dolore di periodo

Periodi e problemi di periodo Periodi persi Periodi pesanti (menorragia) Sindrome premestruale (PMS, PMT) I fibromi Isterectomia Menorragia Chirurgia Ritardare un periodo Biopsia endometriale

La dismenorrea è il termine medico per periodi dolorosi. È normale che i periodi siano dolorosi per adolescenti e giovani adulti. I periodi tendono a diventare meno dolorosi quando si invecchia. Un antidolorifico antinfiammatorio allevia spesso il dolore. Nella maggior parte dei casi, la causa del dolore durante i periodi non è chiara. A volte, di solito nelle donne di 30 o 40 anni, un problema nel bacino causa dolore.

Dolore mestruale

dismenorrea

  • Chi ha periodi dolorosi?
  • Quali sono le cause dei periodi dolorosi?
  • Quali sono i sintomi del dolore mestruale?
  • Quali test sono necessari per periodi dolorosi?
  • Quali sono le opzioni di trattamento?

Chi ha periodi dolorosi?

La maggior parte delle donne ha qualche dolore durante i periodi. Il dolore è spesso lieve ma, in circa 1 donna su 10, il dolore è abbastanza grave da influenzare le attività quotidiane. Il dolore può essere così grave che non sono in grado di andare a scuola o al lavoro. I medici possono chiamare dolore per il periodo "dismenorrea". Il dolore del periodo è un tipo di dolore pelvico.

Dismenorrea primaria è il tipo più comune di periodi dolorosi. Ciò si verifica quando non vi è alcun problema di fondo dell'utero (utero) o pelvi. Succede spesso negli adolescenti e nelle donne di 20 anni.

Dismenorrea secondaria è il dolore causato da un problema dell'utero o della pelvi. Questo è meno comune ed è più probabile che si verifichi nelle donne tra i 30 e i 40 anni.

Playlist video

Q & A Period Pain

Qual è il modo migliore per sbarazzarsi del dolore periodo? Cosa causa dolore al periodo? Quanto dolore al punto è troppo? Tutte le tue domande hanno risposto.

Guarda ora

Quali sono le cause dei periodi dolorosi?

La causa spesso non è chiara (questa è chiamata dismenorrea primaria). L'utero (utero) è normale. Si pensa che normali sostanze chimiche corporee (chiamate prostaglandine) si accumulino nel rivestimento dell'utero. Le prostaglandine aiutano l'utero a contrarsi e a rimuovere il rivestimento dell'utero durante un periodo. Nelle donne con dolore mestruale sembra esserci un accumulo di troppo prostaglandina, o l'utero può essere più sensibile alle prostaglandine. Ciò potrebbe causare una contrazione dell'utero troppo difficile. Questo riduce l'afflusso di sangue all'utero e porta al dolore.

Dismenorrea secondaria

Un problema dell'utero o del bacino a volte causa periodi dolorosi. Per esempio:

  • Endometriosi.
  • Fibromi.
  • Infezione dell'utero e delle tube di Falloppio (malattia infiammatoria pelvica).

Quali sono i sintomi del dolore mestruale?

Il sintomo principale è il dolore crampo nella pancia inferiore (addome). Spesso, i primi periodi che hai sono indolori. I dolori del periodo possono iniziare solo 6-12 mesi dopo l'inizio dei periodi. Il dolore:

  • Può diffondersi nella parte bassa della schiena o in cima alle gambe.
  • Di solito inizia quando inizia il sanguinamento, ma può iniziare fino a un giorno prima.
  • Solitamente dura 12-24 ore ma in alcuni casi dura 2-3 giorni.
  • Può variare con ogni periodo. Alcuni periodi sono peggiori di altri.
  • Tende a diventare meno severo quando si invecchia, o dopo aver avuto un bambino.

In alcune donne, altri sintomi si verificano così come il dolore - per esempio:

  • Mal di testa.
  • Stanchezza.
  • Svenimento.
  • Tenerezza del seno
  • Sensazione di malessere (nausea).
  • Gonfiore.
  • Diarrea.
  • Sentirsi emotivo o in lacrime.

Nota: i seguenti non sono sintomi di dismenorrea primaria:

  • Temperatura elevata (febbre).
  • Scarico vaginale.
  • Forte dolore addominale improvviso.
  • Dolore quando fai sesso
  • Sanguinamento vaginale tra i periodi.
  • Sanguinamento vaginale dopo aver fatto sesso.

Dovresti consultare il medico se si sviluppa uno di questi sintomi.

Dismenorrea secondaria

Ancora una volta, il sintomo principale è il dolore crampo alla pancia inferiore durante i periodi. Con la dismenorrea secondaria, i periodi tendono a diventare più dolorosi dopo diversi anni di periodi "normali" (cioè periodi con dolori mestruali normali e miti).

Quanto segue può indicare dismenorrea secondaria:

  • Se hai un cambiamento nel tuo solito schema di dolore. Ad esempio, se i tuoi periodi diventano più dolorosi di prima, o il dolore dura più a lungo del solito. In alcune donne con dismenorrea secondaria il dolore inizia diversi giorni prima dell'inizio del periodo e dura per tutto il periodo. (Questo è raro con dismenorrea primaria).
  • Se hai altri sintomi, ad esempio:
    • Periodi irregolari
    • Sanguinamento tra i periodi.
    • Dolori tra i periodi.
    • L'emorragia diventa più pesante di prima.
    • Scarico vaginale.
    • Dolore durante il sesso.
    • Dolore nel tuo passaggio posteriore (retto).

Dovresti vedere il tuo medico se sviluppi uno di questi problemi.

Quali test sono necessari per periodi dolorosi?

In molti casi (in particolare negli adolescenti) i sintomi sono così tipici che può essere tranquillamente diagnosticato dal medico semplicemente chiedendo i sintomi. Il medico probabilmente esaminerà anche la parte anteriore della pancia (addome) solo per verificare che sia normale (che è nella dismenorrea primaria).

I test e un esame interno (pelvico) non sono normalmente necessari a meno che i sintomi non siano insoliti. In tal caso si può sospettare una causa sottostante di periodi dolorosi (dismenorrea secondaria).

Dismenorrea secondaria

Il medico di solito ti esaminerà se sospetta di avere una dismenorrea secondaria. Questo può comportare un esame interno per controllare il tuo utero (utero) e pelvi, nonché un esame della tua pancia. L'idea è di cercare le possibili cause dei tuoi periodi dolorosi, come i fibromi nel tuo grembo. Il medico può anche suggerire di prendere alcuni campioni (tamponi) durante l'esame per cercare eventuali segni di infezione.

Se il medico ritiene di avere una dismenorrea secondaria, potrebbe suggerire di indirizzarvi verso uno specialista (di solito un ginecologo) per ulteriori indagini. Le indagini che vengono svolte dipendono dal probabile problema sottostante. Possono includere:

  • Un'ecografia del tuo utero e del bacino.
  • Usando un telescopio per esaminare l'interno del tuo utero (una isteroscopia).
  • Usando un telescopio per esaminare gli organi interni del bacino (una laparoscopia). Vedere il volantino separato chiamato Laparoscopia e Chirurgia laparoscopica per maggiori dettagli.

Quali sono le opzioni di trattamento?

Dismenorrea primaria

La maggior parte delle donne con periodi dolorosi soffre di lievi dolori da potersi trattare a casa. Tuttavia, se il tuo dolore diventa più grave e interferisce con le tue attività abituali, dovresti consultare il medico.

Ci sono un certo numero di trattamenti che possono aiutare se si dispone di dismenorrea primaria:

  • Mantieniti attivo e prova un delicato massaggio e tecniche di rilassamento.
  • Calore. Potresti trovarlo lenitivo per tenere una bottiglia di acqua calda contro il basso ventre (addome), o per fare un bagno caldo. Il dolore spesso non dura a lungo, e questo potrebbe essere tutto ciò di cui hai bisogno. (Fare attenzione a non bruciarsi con una bottiglia di acqua calda che è troppo calda.)
  • Antidolorifici antinfiammatori non steroidei. Gli antidolorifici antinfiammatori possono alleviare il dolore in circa 7 casi su 10. Funzionano bloccando l'effetto delle sostanze chimiche della prostaglandina che si pensa causino il dolore. Inoltre, antidolorifici antinfiammatori non steroidei di solito riducono la quantità di sanguinamento.Ci sono diversi tipi e marche e la maggior parte ha bisogno di una prescrizione. Un'opzione comunemente prescritta è l'acido mefenamico. Tuttavia, è possibile acquistare un tipo (ibuprofene) in farmacia. Alcuni suggerimenti quando si utilizza un anti-infiammatorio includono quanto segue:
    • Prenda la prima dose non appena inizia il dolore, o non appena inizia il sanguinamento, a seconda di cosa viene prima. Alcuni medici consigliano di iniziare a prendere le compresse il giorno prima del ciclo. Ciò potrebbe impedire al dolore di accumularsi.
    • Assumere le compresse regolarmente, per 2-3 giorni ogni volta, piuttosto che "di tanto in tanto" quando il dolore si accumula.
    • Prendi una dose abbastanza forte. Se i tuoi dolori non sono attenuati, chiedi al tuo medico o al farmacista se la dose che stai assumendo è quella massima consentita. Un aumento della dose può essere tutto ciò di cui hai bisogno.
    • Alcune persone non possono assumere antidolorifici antinfiammatori non steroidei. Ad esempio, le persone con un'ulcera allo stomaco e alcune persone con asma.
    • Gli effetti collaterali sono rari se si prende un antidolorifico antinfiammatorio non steroideo per pochi giorni alla volta, durante ciascun periodo. Leggi l'opuscolo fornito con le compresse per un elenco completo di possibili effetti collaterali e precauzioni.
  • Paracetamolo. Il paracetamolo è un antidolorifico alternativo che puoi provare se non puoi assumere antidolorifici antinfiammatori non steroidei. Inoltre, il paracetamolo può essere usato in combinazione con un antidolorifico antinfiammatorio non steroideo se l'antinfiammatorio da solo non è sufficiente. Leggere sempre i dettagli sul pacchetto in modo da non superare la dose massima giornaliera di un antidolorifico.
  • Contraccettivo ormonale combinato (CHC) sotto forma di "pillola", cerotto o anello. Una di queste è un'opzione se hai bisogno anche di contraccezione. Periodi pesanti sono molto meno probabili se prendi CHC. Puoi anche prenderli in modo da avere meno periodi in un anno. Questo ridurrà il numero di volte che hai dolore. Vedere il foglio illustrativo chiamato Pillole, cerotti e anelli dell'ormone contraccettivo per maggiori dettagli.
  • Il sistema intrauterino (IUS). Uno speciale contraccettivo intrauterino chiamato IUS è un'opzione se è necessaria anche una contraccezione a lungo termine. L'IUS rilascia lentamente un ormone progestinico chiamato levonorgestrel. Questo 'assottiglia' il rivestimento dell'utero. È un buon contraccettivo, ma riduce anche la quantità di dolore e sanguinamento durante i periodi. Vedere l'opuscolo separato chiamato Sistema intrauterino (IUS) che descrive lo IUS in maggior dettaglio.
  • Altri contraccettivi progestinici. Un'altra opzione se hai bisogno anche di contraccezione è provare un altro tipo di contraccezione che contiene progestinico. Le opzioni includono la pillola contraccettiva solo progestinica, l'impianto progestinico o un contraccettivo progestogeno iniettabile. Vedere opuscoli separati denominati pillola contraccettiva solo progestinico (POP), impianto contraccettivo e iniezione contraccettiva che descrivono queste opzioni in modo più dettagliato.
  • Una macchina di stimolazione elettrica nervosa transcutanea (TENS). Una macchina TENS può essere un'opzione per le donne che preferiscono non usare i farmaci. Queste macchine emettono una piccola corrente elettrica. Sembrano funzionare interferendo con i segnali di dolore che vengono inviati al cervello dai nervi. Tuttavia, normalmente dovresti acquistare una macchina TENS, in quanto non sono disponibili sul NHS per il trattamento del dolore mestruale. Vedere l'opuscolo separato chiamato Macchine TENS per maggiori dettagli.
  • Altre medicine. Se tutti gli altri trattamenti sono falliti, a volte vengono provati vari altri farmaci. Ad esempio, a volte vengono utilizzati medicinali che interferiscono con il ciclo. Questi non sono trattamenti di routine, poiché gli effetti collaterali possono essere un problema e le prove di ricerca a supporto del loro uso sono limitate.
  • Trattamenti di medicina alternativa. Non ci sono ancora prove sufficienti per sostenere l'uso di altri trattamenti per periodi dolorosi - per esempio, integratori a base di erbe e dietetici, agopuntura, esercizio e manipolazione spinale. Alcuni piccoli studi hanno dimostrato che alcuni di questi trattamenti possono aiutare ma, nel complesso, l'efficacia di questi trattamenti non è chiara. Sono necessari ulteriori studi per aiutare a decidere se questi trattamenti sono utili o meno per periodi dolorosi. Essere consapevoli del fatto che possono interferire con altri farmaci che si prendono.

Dismenorrea secondaria

Il trattamento della dismenorrea secondaria dipende dalla causa sottostante. Maggiori informazioni sui fibromi. Vedere opuscoli separati chiamati endometriosi e malattia infiammatoria pelvica, che descrivono in modo più dettagliato alcuni dei problemi che possono causare dismenorrea secondaria. Questi opuscoli discutono anche di trattamento.

Se si dispone di un dispositivo contraccettivo intrauterino (IUCD - noto anche come "la spirale") e di periodi dolorosi, i trattamenti per la dismenorrea primaria (descritti sopra) spesso aiutano. Tuttavia, alcune donne preferiscono rimuovere la loro IUCD se i sintomi non migliorano.

Storia ed esame fisico

Dipiridamolo per prevenire coaguli di sangue Asasantin Retard, Persantin, Persantin Retard