Fascite necrotizzante

Fascite necrotizzante

Ferite infette

La fascite necrotizzante è un'infezione che distrugge le aree della pelle e dei tessuti sottostanti. È una condizione molto grave che può essere fatale. La fascite necrotizzante può essere trattata con successo se diagnosticata rapidamente.

Fascite necrotizzante

  • Cos'è la fascite necrotizzante?
  • Cosa causa la fascite necrotizzante?
  • Chi ha la fascite necrotizzante?
  • Quanto è diffusa la fascite necrotizzante?
  • Quali sono i sintomi della fascite necrotizzante?
  • Quali sono i test per la fascite necrotizzante?
  • Qual è il trattamento per la fascite necrotizzante?
  • Qual è il risultato?
  • Si può prevenire la fascite necrotizzante?

Cos'è la fascite necrotizzante?

La fascite necrotizzante è un'infezione rara ma molto grave della pelle e dei tessuti sottostanti. È pronunciato neck-roe-tie-zing fash-ee-eye-tis. A volte viene chiamato insetto carnivoro o malattia carnivora.

Può iniziare in qualsiasi parte del corpo, ma più comunemente inizia nei piedi, nelle gambe, nelle mani o intorno alle aree genitali. Se è intorno ai genitali, potrebbe anche chiamarsi la cancrena di Fournier. Quando si verifica sotto la lingua, può essere chiamata angina di Ludwig.

Cosa causa la fascite necrotizzante?

La fascite necrotizzante è causata dall'infezione con qualche tipo di germe, solitamente batteri. I germi si sono diffusi da sotto la pelle fino al tessuto sottostante, provocando la distruzione di questi tessuti. Ci può essere più di un tipo di germe che causa l'infezione.

Esistono quattro tipi diversi, a seconda del tipo di germe coinvolto.

  • Tipo 1: sono coinvolti diversi tipi di germi.
  • Tipo 2: causato da uno streptococco di gruppo A, a volte anche con infezione da stafilococco.
  • Tipo 3: causato principalmente da un tipo di batterio presente negli ambienti di acqua di mare.
  • Tipo 4: causato da un'infezione con un fungo.

I germi si moltiplicano e rilasciano sostanze nocive che causano la coagulazione del sangue nei piccoli vasi sanguigni, bloccando i vasi sanguigni. Questo porta alla morte dei tessuti forniti da quei vasi sanguigni - di solito i tessuti molli sotto la pelle e il tessuto che copre i muscoli (fascia).

L'infezione inizia in un punto in cui la pelle è stata danneggiata, ad esempio a causa di un'operazione chirurgica, una ferita da un infortunio, un morso o una bruciatura. A volte possono verificarsi anche piccole interruzioni della pelle, ad esempio una puntura, un'iniezione o un ago da agopuntura.

Chi ha la fascite necrotizzante?

Solitamente la fascite necrotizzante si verifica nelle persone che sono più vulnerabili a causa di un'altra condizione di salute. Tuttavia, può verificarsi in persone che erano completamente in buona salute. L'infezione di tipo 2 è quella che è più probabile nelle persone che sono altrimenti in buona salute.

Le condizioni o le situazioni che ti mettono a rischio maggiore di fascite necrotizzante includono:

  • Diabete.
  • Avere un sistema immunitario che non funziona normalmente (immunosoppressione) a causa di malattia (ad es. AIDS) o farmaci (ad es. Steroidi o chemioterapia).
  • Abuso di sostanze stupefacenti, in particolare usando droghe per via endovenosa (IV).
  • Eccessivo consumo di alcol.
  • Malattia renale cronica.
  • Cancro (in particolare leucemia).
  • Malattia epatica - ad esempio, epatite cronica.
  • Essere molto sovrappeso (obesità).

Quanto è diffusa la fascite necrotizzante?

È una condizione rara. Si stima che riguardi circa 500 persone all'anno nel Regno Unito. Colpisce ugualmente uomini e donne. Può verificarsi nei bambini, ma è meno comune nei bambini che negli adulti. Nei bambini a volte inizia da una macchia di varicella.

Quali sono i sintomi della fascite necrotizzante?

I sintomi della fascite necrotizzante di solito si manifestano abbastanza rapidamente dopo la rottura della pelle. Quindi tende a svilupparsi molto rapidamente, nell'arco di pochi giorni o anche meno. Inizialmente, la pelle interessata appare leggermente arrossata e gonfia. Di solito è estremamente doloroso. Il dolore è spesso sproporzionato rispetto ai piccoli cambiamenti che si osservano inizialmente sulla pelle. Ti fa anche sentire male in te stesso, a volte con febbre alta, sintomi simil-influenzali o semplicemente malessere generale.

Man mano che progredisce, la pelle interessata sviluppa bolle e aree viola, poi annerite. La pelle è molto tenera al tatto, anche intorno all'area in cui è possibile vedere la pelle cambia. Man mano che la condizione progredisce ulteriormente, i nervi si distruggono e quindi il forte dolore va e l'area diventa insensibile. L'infezione ti fa sentire molto male in te stesso, con febbre e sete a causa della disidratazione.

Successivamente, l'infezione può causare sintomi come diarrea, vomito, vertigini, confusione e collasso. Può continuare a causare infezioni generalizzate (sepsi) e il fallimento degli organi vitali, e talvolta può causare la morte.

Quali sono i test per la fascite necrotizzante?

La fascite necrotizzante è nota per essere difficile da diagnosticare nelle fasi iniziali. A questo punto sembra essere simile ad altre infezioni della pelle molto meno gravi, e può essere perso fino a quando l'aspetto diventa più severo e più tipico. Principalmente è sospettato e diagnosticato dai sintomi e dall'aspetto tipici della pelle. Potrebbe essere possibile sentire un crepitio sotto la pelle a causa del gas nei tessuti. I raggi X o le scansioni possono essere utili in quanto possono mostrare questo gas all'interno dei tessuti. Un test chiamato "finger test" può essere fatto - un taglio viene effettuato nella zona interessata e delicatamente esplorato con un dito guantato. Se c'è fascite necrotizzante, il dito passa direttamente attraverso il tessuto distrutto senza alcuna sensazione di resistenza come ci sarebbe normalmente. Gli esami del sangue e una biopsia possono aiutare a determinare il germe oi germi che causano l'infezione in modo che il trattamento possa essere mirato di conseguenza. Un'operazione può essere necessaria per guardare direttamente i tessuti per fare la diagnosi definitiva.

Qual è il trattamento per la fascite necrotizzante?

Una persona con fascite necrotizzante sarebbe stata ricoverata in ospedale con urgenza, spesso in terapia intensiva. Il trattamento è con un'operazione, con antibiotici e terapia intensiva di supporto.

  • Chirurgia. In anestesia generale, il tessuto interessato viene rimosso e l'area pulita. Potrebbe essere necessario farlo in diverse occasioni, seguito da medicazioni giornaliere. Spesso le grandi aree della pelle devono essere trattate in questo modo, che può lasciare enormi vuoti nella pelle. Potrebbero essere necessari forti antidolorifici (come gli oppiacei) e / o un sedativo mentre le medicazioni sono fatte in quanto ciò può essere molto doloroso. Una volta che l'infezione è stata trattata, nel tempo le ferite aperte rimanenti possono aver bisogno di innesti cutanei per aiutarli a chiudere. A volte è necessaria l'amputazione di un arto interessato per fermare la diffusione dell'infezione.
  • antibiotici. Le alte dosi di antibiotici IV vengono utilizzati per cercare di fermare l'infezione. Di solito vengono somministrati diversi antibiotici.
  • Trattamento di supporto. Un attento monitoraggio è essenziale; per esempio, dei livelli di liquidi, per i segni di sepsi, per la pressione sanguigna e per il fallimento degli organi vitali. I liquidi IV sono spesso richiesti, in quanto può esserci una mancanza di fluido nel corpo (disidratazione). Grandi aree di pelle danneggiata causano la perdita di molti liquidi e anche sostanze nutritive come le proteine. Quindi è spesso necessaria una nutrizione extra, spesso attraverso una vena o un tubo che va nello stomaco attraverso il naso (sondino nasogastrico). È probabile che vengano usati forti antidolorifici.

Qual è il risultato?

Se l'infezione viene individuata e trattata rapidamente, l'esito (prognosi) può essere eccellente e l'infezione può essere curata. Purtroppo, tuttavia, anche quando la condizione è stata trattata, le persone possono morire di fascite necrotizzante. Si stima che circa 2-4 persone su 10 con la condizione non sopravvivano.Se l'infezione si verifica in un braccio o una gamba, in circa un quarto di casi l'arto deve essere amputato o parzialmente amputato. Se la condizione viene trattata con successo, possono essere necessari interventi di chirurgia plastica o innesti cutanei per riparare la pelle e i tessuti rimasti, poiché possono essere lasciati ampi spazi vuoti dai tessuti rimossi.

Si può prevenire la fascite necrotizzante?

Una buona cura delle ferite e principi di igiene possono aiutare a prevenire questa condizione. Le ferite devono essere mantenute pulite e asciutte. Tutte le ferite sulla pelle, anche minuscole, devono essere pulite con acqua corrente. Asciugare e coprire le ferite più grandi con una medicazione sterile. Considerare l'utilizzo di una crema antisettica. Lavati le mani regolarmente con acqua e sapone. Evita piscine, vasche idromassaggio e acqua aperta se hai una ferita aperta.

Attualmente non si ritiene che la fascite necrotizzante possa essere trasmessa da persona a persona.

Storia ed esame fisico

Dipiridamolo per prevenire coaguli di sangue Asasantin Retard, Persantin, Persantin Retard