Allattare al seno il tuo bambino
Alimentazione-Your-Baby

Allattare al seno il tuo bambino

Nutrire il tuo bambino Mastite e ascesso al seno Allatta il tuo bambino Svezzamento del tuo bambino Nutrire il tuo bambino

Ci sono molti benefici per l'allattamento al seno, sia per te che per il tuo bambino. Se vuoi allattare è importante non essere scoraggiato se è difficile.

Allattare al seno il tuo bambino

  • Tutte le donne possono allattare?
  • Come inizio l'allattamento al seno?
  • Come faccio a tenere fermo il mio bambino?
  • Qual è il riflesso fatiscente?
  • Qual è la migliore posizione per l'allattamento al seno?
  • L'allattamento al seno fa male?
  • Come faccio a sapere che il mio bambino sta prendendo abbastanza latte?
  • Devo allattare a richiesta?
  • Cos'è un condotto del latte bloccato?
  • Quali sono le mastiti e l'ascesso mammario?
  • Come posso esprimere il latte materno?
  • Posso allattare con gemelli o più?
  • Posso allattare se il mio bambino è malato?
  • Cos'è l'ittero?
  • Vale la pena allattare solo per pochi giorni?
  • L'allattamento al seno non impedisce al padre di condividere le cure del nostro bambino?
  • Posso allattare al seno in pubblico?
  • Ho bisogno di una dieta speciale durante l'allattamento?
  • Posso allattare se non sto bene?
  • Posso allattare se ho l'HIV?
  • Posso allattare se ho l'epatite B?
  • Qualche farmaco prescritto influisce sull'allattamento al seno?
  • Posso usare droghe ricreative durante l'allattamento?
  • Posso fumare durante l'allattamento?
  • Posso bere alcolici se allatto al seno?
  • Chi può consigliarmi sulle mie preoccupazioni per l'allattamento al seno?
  • Posso allattare durante la gravidanza?
  • Quando dovrei smettere di allattare?
  • Posso tornare ad allattare se mi sono fermato?

Tutte le donne possono allattare?

La maggior parte delle donne è fisicamente in grado di allattare al seno. È raro che una madre non sia fisicamente in grado di allattare al seno. Non importa se hai il seno molto piccolo o grande, o se hai capezzoli invertiti. La maggior parte del seno più grande è fatto di grasso e le parti (mammarie) produttrici di latte sono molto piccole. Il tuo tessuto mammario è progettato per produrre abbastanza latte materno per il tuo bambino. Se hai due gemelli, di solito è possibile fare abbastanza latte per entrambi i bambini.

L'allattamento al seno può, tuttavia, prendere pratica e perseveranza, ed è qualcosa da imparare sia da te che dal bambino. Ci sono molti benefici nell'allattamento al seno, sia per te che per il tuo bambino, quindi se vuoi allattare è importante non essere scoraggiato se all'inizio è difficile. Non aver paura di chiedere aiuto. Questo è comune all'inizio e nulla di cui vergognarsi.

Alcune donne sono consigliate contro l'allattamento al seno. Ciò include le donne con HIV che possono trasmettere l'HIV al loro bambino in questo modo e le donne che hanno bisogno di assumere farmaci che potrebbero danneggiare il loro bambino attraverso il latte materno. Alcuni bambini estremamente prematuri possono aver bisogno di nutrirsi, inizialmente con una formula speciale o con latte materno donato, fino a quando il latte non arriva, anche se la maggior parte farà meglio con il latte espresso, anche inizialmente, quando c'è solo una piccola quantità.

Come inizio l'allattamento al seno?

Idealmente, quando inizi ad allattare per la prima volta, una persona addestrata dovrebbe essere lì per fornire aiuto e supporto qualificati, aiutandoti a far sì che il bambino si attacchi e riconosca la sensazione di delusione del latte. Un'assistente di ostetrica o dell'allattamento al seno può aiutare con questo. Ottenere i primi pochi alimenti giusti può fare un'enorme differenza per stabilirsi con successo e può prevenire problemi come capezzoli dolenti, dolore al seno e scarsità di latte.

All'inizio non ci sarà molto latte e potreste sentire che non è abbastanza; tuttavia, il tuo bambino non ha bisogno di molto, e il primo latte (colostro) è molto speciale. È ricco di sostanze nutritive e di sostanze che proteggono il bambino dalle infezioni. Un neonato ha un piccolo stomaco che può contenere circa un cucchiaino di latte. Quindi, anche se c'è solo una piccola quantità di colostro, è sufficiente per il bambino nei primi giorni, fino a quando arriva la fornitura di latte. Ogni singolo mangime di colostro è prezioso per la salute del bambino e della madre.

Alcune donne provano l'allattamento al seno e si arrendono dopo alcuni pasti perché non viene naturale come previsto. Abbiamo grandi aspettative su noi stessi ma, mentre la natura ci ha fornito le attrezzature, ci vuole pratica per farlo funzionare. Datti una possibilità: se vuoi allattare, lo farai se persevererai. Sii gentile con te stesso e cerca di non diventare ansioso per questo. Ci vuole tempo per diventare un esperto.

L'allattamento al seno può richiedere molto tempo. Un neonato si alimenterà a richiesta e questo sarà probabilmente ogni 2-3 ore, giorno e notte. Man mano che il tuo bambino invecchia, i mangimi saranno più rapidi man mano che il tuo latte scorre più veloce. Ricorda, il tuo seno produce più latte più il tuo bambino nutre - non saranno mai vuoti.

I bambini, in genere, entrano in una routine di alimentazione, ma si dovrebbe comunque allattare al seno su richiesta, almeno nelle prime settimane, in quanto ciò mantiene la vostra offerta più in sintonia con le esigenze del bambino. Si nutre quando il bambino sembra affamato. Ciò consente ai periodi di crescita del bambino quando i feed possono avere bisogno di essere più spesso e consente altri fattori, come quando fa caldo e il bambino ha sete.

Il tuo bambino riceve un foremilow più acquoso all'inizio di un allattamento al seno. Questo è dissetante. Mentre continua l'allattamento, il latte (o il latte posteriore) più tardi è più ricco di grassi. Il latte posteriore riempie il bambino. Il latte posteriore contiene più energia e nutrimento necessari per far crescere e prosperare il bambino. È quindi importante che il bambino finisca su un seno prima di essere offerto il secondo (altrimenti il ​​bambino berrà solo due lotti di foraggio).

Come faccio a tenere fermo il mio bambino?

Questa informazione è intesa solo come guida. Chiedi a un'ostetrica, un consulente per l'allattamento al seno o un amico / parente di cui ti fidi (e che ha allattato con successo) per mostrarti. Libri, riviste e risorse internet hanno buone fotografie, video e immagini / diagrammi per dimostrare il posizionamento e la tecnica.

Attaccare è il termine per mettere il bambino attaccato al seno per l'alimentazione. Questa è la cosa più importante da ottenere quando si inizia l'allattamento al seno. Immagini, diagrammi e video online rendono questo più facile da capire. Alcuni punti generali sono:

  • Tieni il bambino con il naso di fronte al capezzolo. Il tuo bambino ha bisogno di prendere una grande quantità di seno da sotto il capezzolo. Posizionare il capezzolo del bambino al naso consentirà al bambino di sollevarsi e attaccarsi bene al seno.
  • Lascia che il bambino pieghi la testa all'indietro, così il labbro superiore sfiora il capezzolo.
  • Aspetta che il tuo bambino apra bene la bocca. Quando questo accadrà, il loro mento toccherà prima il tuo seno. La loro lingua sarà giù.
  • Porta rapidamente il tuo bambino al seno in modo che una grande bocca di seno possa essere portata in bocca.
  • Ci dovrebbe essere più dell'areola più scura visibile sopra il labbro superiore del bambino, che sotto il labbro inferiore.

Cose che puoi cercare, come segni che il tuo bambino sta alimentando bene e si è agganciato correttamente:

  • Il bambino ha una grande bocca piena di seno.
  • Il mento del bambino tocca fermamente il seno.
  • Non fa male, anche se i primi schifo sono forti.
  • Le guance del bambino sono arrotondate per tutta la suzione.
  • C'è il risucchio e la deglutizione ritmici, con pause occasionali. Ci saranno cicli di succhi brevi e anche aspirazioni lunghe e profonde.
  • Il bambino finisce di nutrirsi e si stacca da solo.
  • Se ti senti a disagio quando il bambino è agganciato, la posizione potrebbe non essere del tutto corretta. Usa il mignolo per rompere il sigillo tra la bocca del bambino e il tuo seno, inserendolo delicatamente nell'angolo della bocca del tuo bambino. Quindi riprova con il blocco. Questo è importante per prevenire i capezzoli dolenti e screpolati.

Qual è il riflesso fatiscente?

Quando il seno ha il riflesso fatiscente, il latte viene prodotto dal seno ed espulso. Ciò è causato dall'ossitocina chimica (ormone) rilasciata nel cervello. Potresti sentire il riflesso del dolore come un irrigidimento o un formicolio attraverso il tuo seno. Può essere quasi scomodo, e in alcune donne può essere accompagnato da una sete improvvisa e molto intensa. Se avverti questo dovresti tenere un grande bicchiere d'acqua a portata di mano quando allatti al seno.

Solo il pensiero di allattare al seno, o del tuo bambino, o di sentire piangere il tuo bambino (o altri bambini), può stimolare la produzione di latte e il letargo. Potresti vedere il latte entrare mentre ti stai preparando ad allattare al seno - potresti dover indossare dei rilievi del seno all'interno del reggiseno per prendere questo latte.

Il riflesso del riflesso può essere lieve nei primi giorni prima che il tuo latte "entri", ma è probabile che diventi più intenso dopo. Per cominciare, il let-down tende a rendere il tuo seno più gonfio, anche se dopo alcuni mesi, se continui ad allattare, il let-down non produrrà tanto gonfiore al seno.

Qual è la migliore posizione per l'allattamento al seno?

Ci sono molte posizioni diverse per l'allattamento al seno. I punti chiave sono:

  • Mantieni la testa e il corpo del bambino in linea retta in modo che il bambino possa deglutire facilmente.
  • Tenendo il bambino vicino. Sostenere le spalle e la schiena del collo. Il bambino dovrebbe essere in grado di inclinare la testa all'indietro e non dovrebbe dover allungare per nutrirsi.
  • Assicurati di stare comodo. L'allattamento al seno può richiedere del tempo. A volte aiuta a usare un cuscino o un cuscino per il supporto. Le braccia o la schiena possono diventare doloranti se vieni ingobbito per un lungo periodo di tempo.

L'allattamento al seno fa male?

Capezzoli doloranti o doloranti sono uno dei motivi principali per cui le donne che vogliono allattare si arrendono. Tuttavia, con perseveranza e trattamento, i capezzoli dolorosi di solito si calmano.

Dolore al capezzolo

L'allattamento al seno non dovrebbe essere doloroso e nel tempo non lo sarà. Tuttavia, è abbastanza comune sentire inizialmente la tenerezza dei capezzoli, in particolare quando il bambino si aggancia per primo. Questo forse non è sorprendente: i capezzoli sono una parte delicata di te e le piccole gengive sane del bambino hanno una presa sorprendentemente forte.

Si dice che il dolore al capezzolo sia più comune nelle donne dalla pelle chiara, in particolare quelle con i capelli rossi. Il dolore ai capezzoli può essere causato se il bambino non si aggancia bene. Se il bambino è tenuto in modo che solo il capezzolo sia appena dentro la bocca e non nella parte posteriore della bocca, i dolori ai capezzoli sono più probabili da sviluppare. Capezzoli appiattiti, incastrati o bianchi alla fine di una poppata possono suggerire che il tuo bambino non si è attaccato perfettamente.

Il dolore ai capezzoli è anche più probabile che si verifichino se i capezzoli si screpolano o si spezzano perché passano troppo tempo seduti in un seno umido. Un capezzolo rotto può facilmente infettarsi e può richiedere un unguento antibiotico. Se ispezionate attentamente, potreste essere in grado di rilevare una crepa da soli. La tua ostetrica o la tua salute possono anche controllare se hai una crepa o un capezzolo, ma i capezzoli possono essere estremamente teneri in un primo momento, anche senza queste condizioni.

Se sviluppi dolore ai capezzoli durante l'allattamento, prova un semplice unguento per capezzolo tra un pasto e l'altro (puliscilo per l'alimentazione) e assicurati di cambiare frequentemente i rilievi del seno, in modo ideale lasciando asciugare i capezzoli all'aria.

Tordo capezzolo

Il tordo (candida) del capezzolo è un'infezione da lievito che può causare prurito e dolore, che può essere acuto e grave. Il capezzolo può sembrare lucido o traballante e il capezzolo può essere doloroso attraverso e tra i feed piuttosto che solo all'inizio.

Il mughetto è più comune se tu o il tuo bambino siete stati recentemente trattati con antibiotici o steroidi. È anche più comune se tu o il tuo bambino avete un tordo altrove nel vostro corpo. Il mughetto si presenta naturalmente e in modo innocuo nell'intestino di molte persone, quindi potrebbe essere nel pannolino del tuo bambino al momento del cambio. Anche l'eritema da pannolino candidal è molto comune.

Il tordo capezzolo può essere trattato con una crema per la candida. È probabile che il tuo bambino abbia la candida nella sua bocca se ha il capezzolo, e dovrà essere somministrato una piccola quantità di gocce orali allo stesso tempo per evitare di reinfezione l'un l'altra.

Dolore al seno

L'abbassamento e l'ingorgo del latte possono risultare fastidiosi, ma l'allattamento al seno non dovrebbe essere doloroso. Se si sviluppano problemi al seno durante l'allattamento, ciò può essere dovuto al fatto che si ha un dotto ostruito o si sta sviluppando una mastite. Devi cercare di identificare il problema e parlare con il tuo medico, ostetrica, visitatore della salute o consigliere dell'allattamento al seno.

Scudi capezzoli

Per problemi latch-on difficili o persistenti e dolore al capezzolo, può essere utile l'uso temporaneo di una protezione per capezzoli. Realizzato in morbido silicone abbastanza sottile da non bloccare la stimolazione del capezzolo, durante l'allattamento viene indossato uno scudo per capezzolo. I fori sulla punta consentono al latte di fluire verso il bambino. Gli scudi capezzoli possono essere utili in:

  • Permettere al bambino di fare una pausa durante la poppata senza dover ripetere l'aggancio.
  • Attiva il riflesso di suzione del bambino dove i capezzoli sono invertiti o non abbastanza flessibili da essere attirati (col tempo, i capezzoli della madre diventeranno più flessibili).
  • Persuadere un bambino che ha avuto bottiglie e rifiuta il seno per nutrirsi, come lo scudo capezzolo si sente simile a un capezzolo della bottiglia.
  • Proteggendo i capezzoli dolorosi o screpolati mentre guariscono, consentendo alle donne che altrimenti potrebbero interrompere l'allattamento al seno di continuare.

Ingorgo mammario

Un seno normale normale può essere tenero. L'ingorgo mammario può verificarsi nei giorni 2-7 dopo la nascita quando entra il latte. Se il latte non viene rimosso da un bambino che allatta, la produzione di latte si interromperà presto.

Il modo migliore per ridurre al minimo il dolore e l'ingorgo è quello di dare al bambino piccoli pasti. Alcune donne hanno bisogno di alcuni antidolorifici come il paracetamolo per alcuni giorni. Alcune donne traggono beneficio dall'esprimere latte a mano per facilitare l'ingorgo. Le foglie di cavolo esterne tradizionalmente grandi sono state raccomandate, indossate all'interno del reggiseno, per facilitare l'ingorgo, anche se i medici ritengono che qualsiasi oggetto di raffreddamento abbia lo stesso effetto.

Cosa succede se il mio bambino fatica a succhiare?

Occasionalmente il tuo bambino potrebbe avere un problema che rende difficile attaccarli o succhiarli correttamente.La causa più comune di questo è il legame linguistico (anchogloglossia), un problema che significa che la lingua è più strettamente attaccata al fondo della bocca del normale. La maggior parte dei bambini con la lingua non ha problemi di alimentazione. Tuttavia, se la cravatta della tua bimba causa problemi di alimentazione, potrebbe essere utile tagliare la cravatta (divisa). Questa è una procedura sicura generalmente eseguita da un'ostetrica o da un chirurgo appositamente addestrato.

Una bocca di forma anormale, come una palatoschisi, può anche influenzare la capacità di succhiare del bambino, ma l'allattamento al seno è ancora possibile. Tuttavia, il bambino potrebbe aver bisogno di ricevere latte espresso per cominciare e dovresti ricevere un consiglio da un consulente specializzato in allattamento al seno.

Come faccio a sapere che il mio bambino sta prendendo abbastanza latte?

Questa è una preoccupazione comune tra le madri nuove nell'allattamento al seno. Con le bottiglie di formula puoi vedere esattamente quanto latte è stato bevuto. Sebbene non sia possibile vedere la quantità di latte materno consumata, ci sono molti altri modi per determinare se il bambino sta alimentando bene:

  • Guarda il tuo bambino che si nutre (vedi sopra). Dovresti essere in grado di vedere succhiare, deglutire e guance piene. Quando il bambino ha terminato la poppata, il seno si sentirà più morbido e leggero, specialmente nelle prime settimane.
  • Entro la fine della prima settimana, un neonato allattato al seno produrrà spesso circa sei pannolini bagnati e 3-4 pannolini sporchi al giorno. La cacca del bambino allattata al seno (feci) non tende ad annusare e, in genere, le feci sono molto teneri e di colore giallo senape. (Come un bambino allattato al seno diventa più grande, può anche essere normale per loro di andare fino a una settimana senza passare sgabelli.)
  • Se il tuo bambino è sveglio, di solito felice quando è sveglio e fa pannolini bagnati e sporchi, di solito prende abbastanza latte materno. È normale che i bambini allattati al seno perdano inizialmente un po 'di peso ma, a 2 settimane di età, dovrebbero iniziare ad ingrassare.
  • Occasionalmente, un bambino che non ingrassa nel tempo potrebbe aver bisogno di rabboccare con latte materno espresso (EBM) o formula. La tua ostetrica, il visitatore della salute, il consulente per l'allattamento al seno o il medico di base possono consigliarvi.

Devo allattare a richiesta?

Quante volte mangia un bambino allattato al seno?

Esistono due approcci di base per decidere quando il bambino deve nutrirsi, alimentato dalla domanda o programmato. L'allattamento al seno su richiesta significa consentire al bambino di decidere quando vuole nutrirsi e per quanto tempo deve nutrirsi. L'alimentazione programmata significa che decidi quando il tuo bambino deve nutrirsi, e qualche volta per quanto tempo, di solito perché stai cercando di stabilire una routine.

L'alimentazione a richiesta ha molti vantaggi:

  • Aiuta a stabilire il latte materno e ti aiuta a produrre la giusta quantità per il tuo bambino, in modo che il seno si assesti e diventi meno incline all'ingorgo.
  • Suppone il fatto che, a differenza del biberon, non si può sapere quanto latte ha preso il bambino ogni volta. Se avessero un mangime più piccolo potrebbero essere di nuovo affamati prima.
  • Significa che il tuo bambino può soddisfare la fame quando ha fame e può aumentare la frequenza o la quantità del mangime durante uno scatto di crescita.
  • Sembra anche dare ai bambini un beneficio extra nel rendimento scolastico quando sono più grandi (questo studio ha esaminato i bambini che venivano nutriti su richiesta per le prime quattro settimane).

Uno svantaggio della richiesta di cibo nelle prime due settimane è che alcuni bambini potrebbero essere stanchi e non svegliarsi abbastanza per nutrirsi, e il loro aumento di peso è più lento dell'ideale. Questo è più spesso vero per i bambini che sono prematuri, i bambini con ittero e i bambini con la cravatta della lingua. In questo caso la tua ostetrica o il tuo medico potrebbero suggerire che, sebbene tu debba ancora allattare al seno su richiesta, dovresti anche svegliare il bambino per ricordare loro di nutrirsi almeno ogni tre ore durante il giorno e ogni quattro ore durante la notte. Se il tuo bambino ritorna al peso alla nascita di due settimane, probabilmente non avrai più bisogno di farlo.

Molti esperti, tra cui l'OMS, consigliano di nutrire la domanda fino allo svezzamento a sei mesi. Tuttavia, la prova per questo non è molto chiara. Uno studio ha esaminato oltre 10.000 bambini e ha concluso che, sebbene l'alimentazione della domanda fosse più stancante per le madri, e che i bambini guadagnassero un po 'meno di peso rispetto all'alimentazione programmata, i bambini nutriti a richiesta hanno ottenuto risultati migliori a scuola diversi anni dopo. Questo studio ha esaminato la domanda alimentare solo fino a quattro settimane, non sei mesi. Nel 2016 una vasta revisione di tutte le prove, denominata revisione Cochrane, ha concluso che non vi erano prove scientifiche di buona qualità per scegliere tra la domanda e l'alimentazione programmata e ha raccomandato che fossero necessarie ulteriori ricerche.

Avrai bisogno di decidere cosa vuoi fare in base a come ti senti riguardo alla richiesta di cibo, alla facilità con cui puoi esprimere il latte e alle altre esigenze della tua vita (compresi il lavoro e gli altri bambini). Un approccio pragmatico è quello di alimentare la domanda per le prime 6-8 settimane, per stabilire appieno la produzione di latte. In questa fase la maggior parte dei bambini ha stabilito alcuni schemi per la loro alimentazione e potrebbe essere in grado di pianificare tutto ciò senza provare un'alimentazione formale programmata. I bambini spesso iniziano a passare tra le sette e le otto ore notturne per non nutrirsi quando hanno circa tre o quattro mesi. Potreste sentirvi dire che questo accadrà quando il vostro bambino raggiunge un certo peso, spesso quotato intorno ai 5 kg, ma in realtà si riferisce tanto alla capacità del vostro bambino di tornare a dormire da soli se si svegliano nella notte.

Cos'è un condotto del latte bloccato?

Un dotto di latte bloccato può causare una zona gonfia dolorosa in un seno, di solito in una forma triangolare che si irradia dal capezzolo. Quando alimenti il ​​tuo bambino, il dolore può aumentare a causa della pressione del latte che si accumula dietro il dotto ostruito.

Assicurati di nutrire il tuo bambino che il reggiseno o altri indumenti non ti stiano premendo sul seno ed eviti di indossare un reggiseno con ferretto. Potrebbe essere necessario massaggiare l'area saldamente mentre si alimenta per incoraggiare il flusso nell'area bloccata. Normalmente si risolverà entro 1-2 giorni e i sintomi andranno. Può schiarirsi più rapidamente nutrendo il bambino più spesso dal seno interessato mentre massaggia delicatamente il seno. Tuttavia, in alcuni casi un dotto di latte bloccato viene infettato e si sviluppa in mastite.

Quali sono le mastiti e l'ascesso mammario?

La mastite è una condizione dolorosa del seno che diventa rossa, calda e dolorante (infiammata). Occasionalmente, un ascesso (raccolta di pus) può formarsi all'interno di una sezione infetta del seno, causando un nodulo deciso, rosso, tenero. Con un ascesso, è probabile che tu non ti senta bene, con sintomi simil-influenzali e una temperatura elevata.

Maggiori informazioni su mastite e ascesso mammario.

Come posso esprimere il latte materno?

Ci sono molte ragioni per cui potresti voler esprimere il latte materno, tra cui:

  • Nutrire un bambino che è troppo prematuro per succhiare.
  • Dare la possibilità al tuo partner di nutrire artificialmente il tuo bambino.
  • Ridurre la congestione.
  • Lasciando il latte materno per il tuo bambino se devi lasciarlo a casa di qualcun altro.
  • Aiutare a cancellare un condotto del latte bloccato.

C'è un talento nell'esprimere il latte materno, che può essere fatto a mano o con una pompa. Se sei insicuro, la tua ostetrica, la tua salute o il consulente per l'allattamento al seno ti aiuteranno. Aiuta ad essere rilassato e non freddo (alcune donne praticano l'espressione nella vasca da bagno per cominciare).

Mano che esprime il latte materno

  • Innaffia il tuo seno con una mano quindi, con l'altra mano, forma una "C" con l'indice e il pollice.
  • Metti la C nella zona più scura (areola) attorno al capezzolo (non schiacciare il capezzolo stesso) e stringi delicatamente - questo non dovrebbe ferire.
  • Rilascia la pressione, quindi ripeti, aumentando il ritmo.
  • Le gocce dovrebbero iniziare a comparire, e quindi il tuo latte inizia di solito a scorrere.
  • Se non appaiono gocce, prova a muovere leggermente il dito e il pollice, ma evita comunque l'area più scura.
  • Quando il flusso rallenta, sposta le dita su una sezione diversa del seno e ripeti.
  • Quando il flusso da un seno è rallentato, scambia l'altro seno. Continua a cambiare seno finché il latte non gocciola molto lentamente o si ferma del tutto.

Esprimendo il latte con un tiralatte

  • Seguire le istruzioni sulla pompa, che avrà una ventosa che si posiziona sopra il capezzolo. Questi a volte vengono in diverse dimensioni.
  • Pompe diverse si adattano a donne diverse, quindi se puoi prenderne una in prestito, potrebbe essere utile.
  • Le pompe manuali sono più economiche ma tendono ad essere più lente e la tua mano di pompaggio può diventare abbastanza stanca.
  • Potresti essere in grado di noleggiare o prendere in prestito una pompa elettrica.
  • Assicurarsi sempre che la pompa e il contenitore siano puliti e sterilizzati prima di utilizzarli.

Posso allattare con gemelli o più?

Puoi allattare al seno tanti bambini quanti ne hai e il tuo corpo produrrà latte per soddisfare la domanda. Tuttavia, l'allattamento al seno dei gemelli è decisamente molto impegnativo e potresti aver bisogno di aiuto pratico per preparare le tue sessioni di alimentazione, in particolare se ti piace nutrire entrambi i gemelli contemporaneamente.

Molte donne gemellano completamente al seno. I gemelli possono essere alimentati separatamente, insieme o in una miscela di entrambi. Alcune donne usano un grande cuscino a forma di V per sostenere i loro bambini mentre si nutrono, e descrivono l'uso di una "presa del gattino" (spostando il bambino con la loro cuccia adulta) per aiutarli a posizionarli.

Posso allattare se il mio bambino è malato?

Se il tuo bambino non sta bene, ad esempio con la diarrea, dovresti continuare ad allattare. (In alcune circostanze, il medico potrebbe consigliare liquidi extra o la terapia di reidratazione orale, tuttavia, per le malattie lievi, il latte materno va bene.)

Cos'è l'ittero?

L'ittero è una condizione molto comune nei bambini piccoli. Se il tuo bambino ha ittero, lui o lei sviluppa l'ingiallimento del bianco degli occhi e della pelle. Ha una serie di cause.

Ittero fisiologico

Circa 6 su 10 neonati a termine e 8 su 10 bambini prematuri sono itterici. Succede a causa di cambiamenti nella circolazione sanguigna e nel fegato del bambino. Non è presente alla nascita ma inizia a 2-3 giorni di età, in un bambino che rimane bene e continua a nutrirsi e piangere normalmente. L'ittero fisiologico si assesta solitamente entro la fine della prima settimana e scompare di circa il 10 ° giorno.

Ittero del latte materno

L'ittero del latte materno dura fino a sei settimane (occasionalmente più lungo) ma, ancora una volta, non è presente immediatamente alla nascita. I bambini con ittero del latte materno spesso non hanno bisogno di alcun trattamento. L'ittero può essere peggiore se un bambino è privo di liquidi (disidratato), quindi è importante che si nutrano bene.

Ittero alla nascita

L'ittero presente alla nascita o nelle prime 24 ore di vita è più preoccupante, in quanto ha solitamente una causa medica di base. Probabilmente il tuo bambino avrà bisogno di ulteriori test se svilupperanno l'ittero così presto. Alcuni bambini hanno bisogno di un trattamento - per esempio, con il trattamento della luce ultravioletta (UV) (fototerapia). Il trattamento esatto dipende dalla causa.

Vale la pena allattare solo per pochi giorni?

Sì, anche se si allatta solo per un breve periodo di tempo, ci sono enormi benefici. In particolare, avrai dato al tuo bambino preziosi anticorpi che dureranno per diversi mesi. Se possibile, prova a continuare l'allattamento per sei mesi, anche se devi tornare al lavoro. È possibile esprimere e conservare il latte materno in modo che la persona che si prende cura del bambino quando è al lavoro possa darlo a loro. Questo può essere lento all'inizio, ma una volta che l'allattamento al seno è correttamente stabilito (di solito 4-6 settimane di età), diventa più facile.

Il latte materno può essere espresso a mano, con un tiralatte manuale o con un tiralatte elettrico. È possibile mantenere il latte materno, in contenitori o sacchetti sterili adatti, in frigorifero fino a 5 giorni a 4 ° C o meno. Può anche essere congelato (fino a sei mesi a meno 18 ° C).

L'allattamento al seno non impedisce al padre di condividere le cure del nostro bambino?

Ci sono molti modi in cui i padri possono essere coinvolti con il loro bambino - tenendo, facendo il bagno, giocando e aiutando a prendersi cura del bambino in molti altri modi. Tuttavia, puoi esprimere il latte materno e il tuo partner può darlo al tuo bambino tramite una bottiglia, consentendo loro di condividere più completamente l'esperienza. Per l'esperienza più semplice, aspetta che il tuo bambino sia 4-6 settimane prima di fare questo, in modo che la fornitura di latte materno si sia stabilizzata in uno schema e che il bambino abbia pienamente imparato a nutrirsi da te. Tuttavia, puoi farlo prima di questo se lo desideri. Puoi leggere di più su come persuadere i bambini allattati al seno a nutrirsi artificialmente.

Il supporto del tuo partner ha un valore inestimabile quando stai allattando al seno. Una madre ha molte più probabilità di perseverare nell'allattamento al seno se ha un partner di supporto, ed è anche più probabile che abbia un'esperienza positiva.

Posso allattare al seno in pubblico?

Questo è stato un argomento controverso negli ultimi anni, con storie di donne a cui non è stato chiesto di allattare al seno in pubblico o di essere bandite nei bagni dei ristoranti per farlo.

Le donne, pur concordando sul fatto che coloro che vogliono allattare al seno in pubblico dovrebbero essere in grado di farlo, hanno sentimenti diversi su come si sentono a nutrirsi in pubblico. Molti allattano dove vogliono, nel modo più esplicito che desiderano e rispondono con audacia alle critiche. Altri, comprensibilmente, trovano la critica sconvolgente e angosciante e trovano luoghi privati ​​per evitare lo scontro. Alcuni evitano di uscire, poiché non vogliono nutrirsi in pubblico.

Mentre ci sono alcune parti del mondo dove sarebbe, culturalmente, estremamente difficile per le donne allattare al seno in presenza di uomini, nel mondo occidentale è del tutto possibile allattare al seno in modo discreto, sotto un panno di mussola o un pannolino, se si desidera essere privato Ovviamente non dovresti mai essere bandito da spazi pubblici per nutrire il tuo bambino. Un giorno, forse, vivremo in un mondo in cui la gente non considera mai l'allattamento al seno strano o indecente. Nel frattempo, devi fare ciò che è giusto per te.

Ho bisogno di una dieta speciale durante l'allattamento?

Per le madri che allattano al seno si consiglia una normale dieta bilanciata. L'allattamento al seno può farti sete, quindi assicurati di bere molti liquidi, compresa l'acqua. Non hai bisogno di bere latte per fare il latte (anche se è una buona fonte di calcio).

  • L'allattamento al seno consuma circa 500 calorie al giorno, quindi può aiutarti a perdere peso. Potresti scoprire che ti rende affamato, quindi cerca di mangiare snack sani che rilasciano energia lentamente (come noci, banane, frutta secca, ecc.).
  • Un integratore di vitamina D è raccomandato per tutte le donne in allattamento e in gravidanza. Ci sono un certo numero di supplementi multivitaminici per la gravidanza e l'allattamento al seno, che contengono vitamina D, oppure puoi prendere una compressa di calcio / vitamina D. Si consigliano 400 unità (10 microgrammi) al giorno.
  • Il bambino potrebbe aver bisogno di ricevere gocce contenenti vitamina D a partire da 1 mese di età se non ha assunto integratori di vitamina D durante la gravidanza. Se hai preso degli integratori quando eri incinta, il bambino dovrebbe iniziare a prendere le gocce di vitamina D quando hanno 6 mesi.
  • Alcuni alimenti possono influenzare il gusto del tuo latte materno e il tuo bambino potrebbe accorgersene e potrebbe sembrare scoraggiato. Gli alimenti che sono stati implicati includono aglio, spezie aromatiche e agrumi. Di solito hanno solo un effetto temporaneo sul sapore del tuo latte.

I bambini allattati al biberon non hanno bisogno di supplementi di vitamina D, poiché il latte artificiale è arricchito con vitamina D aggiuntiva. Tutti i bambini svezzati che assumono latte di mucca hanno bisogno di supplementi di vitamina D, poiché contengono poca vitamina naturale D. Fuori dal Regno Unito, alcuni paesi aggiungono vitamina D al latte di mucca, per fortificarlo. Se stai allattando e stai seguendo una dieta vegana, potresti anche aver bisogno di vitamina B12 extra.

Posso allattare se non sto bene?

Per la maggior parte delle malattie lievi, come la diarrea, l'ammalarsi (vomito), la tosse e il raffreddore, è importante continuare ad allattare, se possibile. Il tuo latte aiuterà a proteggere il tuo bambino dalla stessa malattia, o almeno a renderlo più mite a causa degli anticorpi che fai passare al tuo bambino attraverso il latte materno. Ricorda che il tuo bambino sarà stato esposto a qualsiasi malattia che hai, prima di sapere che non stai bene.

Potresti aver bisogno di bere liquidi extra, specialmente se hai la diarrea o il vomito. Evitare di tossire e starnutire sul bambino (se allatta o no).

È perfettamente sicuro allattare al seno e non comporta alcun rischio per il bambino, se si ha un problema di salute a lungo termine (cronico). Questo include malattie come il diabete, l'asma, l'artrite, le malattie cardiache, ecc. È molto raro che venga consigliato da un medico di interrompere l'allattamento al seno a causa delle sue condizioni mediche.

Se hai una malattia cronica o un'infezione e sei preoccupato che tu debba allattare il bambino, ne parli con il medico. Alcuni farmaci non dovrebbero essere assunti durante l'allattamento (vedi sotto).

Posso allattare se ho l'HIV?

Senza interventi preventivi, circa un terzo dei bambini nati da madri infette da virus dell'immunodeficienza umana (HIV) - il virus che causa la sindrome da immunodeficienza acquisita (AIDS) - contraggono anche la malattia.

Le madri che sono state trattate con farmaci antiretrovirali durante la gravidanza hanno meno di 1 su 100 possibilità di trasmettere il virus al loro bambino. Se anche le madri stanno bene, con un numero di virus basso o non rilevabile, il rischio di trasferimento si riduce a 1 su 1.000. I bambini di madri sieropositive ricevono medicine preventive contro l'HIV alla nascita. Tuttavia è possibile che i bambini acquisiscano l'HIV attraverso l'allattamento al seno e il rischio di farlo è 1-4 su 20.

Per questo motivo, nei paesi in cui la formula e l'acqua sicura sono facilmente ottenibili, si consiglia alle madri sieropositive di non allattare al seno.

Nei paesi in via di sviluppo, il rischio di trasmissione dell'HIV con l'allattamento al seno deve essere bilanciato con i rischi per il bambino di non allattare al seno. In questi paesi, le donne non possono nutrire in modo sicuro i mangimi, a causa di problemi relativi alla fornitura e al costo della formula, alla disponibilità di acqua pulita e alle strutture per la sterilizzazione delle attrezzature. L'allattamento al seno è l'unica opzione realistica per queste madri. Quindi, nei paesi in via di sviluppo, l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) raccomanda che quando le madri sieropositive allattano al seno, dovrebbero ricevere un trattamento per l'HIV e anche l'allattamento al seno.

Posso allattare se ho l'epatite B?

Se hai un'infezione da epatite B, dovresti comunque allattare il bambino. È di vitale importanza che il bambino appena nato sia immunizzato contro l'epatite B alla nascita. Il vaccino contro l'epatite B e l'immunoglobulina dell'epatite B (una proteina del sistema immunitario che combatte l'infezione), somministrata entro dodici ore di vita, danno al bambino una probabilità del 95% di essere protetto contro l'infezione da epatite B.

Qualche farmaco prescritto influisce sull'allattamento al seno?

La maggior parte delle medicine passa nel latte materno. Di solito questo è in quantità molto piccole - quantità troppo piccole generalmente da considerare dannose. È sicuro allattare al seno con la maggior parte dei farmaci prescritti. Tuttavia, ci sono alcune eccezioni e anche l'età del tuo bambino è importante. Se hai un bambino con un basso peso alla nascita o un bambino prematuro, la quantità di farmaci nel latte materno potrebbe comportare un rischio maggiore.

Molti farmaci non sono autorizzati nelle madri che allattano. Ciò significa che i produttori non hanno intrapreso ricerche sulla loro sicurezza nell'allattamento al seno. Questo tipo di ricerca spesso non può essere fatto per ragioni etiche, dal momento che le donne che allattano al seno non potrebbero essere date medicine sperimentalmente per scoprire se questo potrebbe danneggiare i loro bambini.Tuttavia, se un farmaco è disponibile anche in una formulazione per bambini, è probabile che sia sicuro nelle quantità più piccole presenti nel latte materno materno.

  • Il valore del continuo allattamento al seno generalmente supera il rischio che una piccola quantità di farmaci venga trasferita nel latte materno al bambino. Fermare l'allattamento al seno per alcuni giorni può essere sufficiente a compromettere la produzione di latte materno.
  • Se si ritiene che sarebbe più sicuro per il bambino non assumere (ingerire) il latte materno che potrebbe contenere farmaci assunti dalla madre, il latte materno dovrebbe idealmente essere espresso e scartato fino a quando il farmaco non viene più preso, in modo che il l'offerta è mantenuta.
  • Semplici antidolorifici come paracetamolo e ibuprofene, levotiroxina (per una tiroide iperattiva), inalatori per l'asma e i più comuni farmaci antibiotici, sono sicuri nelle madri che allattano.
  • La pillola combinata per contraccettivi orali (COC) - conosciuta anche come "la pillola" - può ridurre la quantità di latte, quindi non è consigliata durante l'allattamento fino a quando il bambino non ha 6 settimane, quando la sua fornitura è di solito pienamente stabilita.
  • I contraccettivi solo progestinici (inclusa la pillola solo progestinica - "mini-pillola") non influenzano il volume del latte e i metodi barriera (ad esempio i preservativi) vanno bene durante l'allattamento.
  • Alcuni farmaci, quali agenti chemioterapici, potenti antidolorifici (oppiacei), anestetici e forti farmaci anti-tiroidei, passano nel latte materno in quantità abbastanza elevate da significare che non dovresti allattare al seno durante il trattamento.
  • Se il tuo medico sa che stai allattando al seno, dove c'è una scelta di farmaci che puoi essere prescritto, lui / lei sceglierà uno che si ritiene sia sicuro durante l'allattamento.

Fai sempre sapere al tuo medico che stai allattando al seno, se ti viene prescritto un farmaco.

Posso usare droghe ricreative durante l'allattamento?

I farmaci ricreativi non dovrebbero MAI essere usati dalle madri che allattano. Danneggiano la tua capacità di nutrire e prendersi cura del tuo bambino in modo sicuro e possono influire sul tuo livello di coscienza in modo che, ad esempio, ti addormenti quando ti prendi cura del tuo bambino o, peggio ancora, ti addormenti sul bambino.

Questi farmaci possono anche causare gravi danni direttamente al bambino. Se abusi in particolare degli oppiacei, potresti essere molto tollerante con loro, ma il tuo bambino non lo sarà e potrebbe morire.

Se abusi questi farmaci, non allattare al seno il bambino, e cercare l'aiuto medico per staccarli. Un programma di mantenimento del metadone può essere offerto per aiutare a stabilizzarti per aiutarti a farlo, anche se il metadone è presente nel latte materno e sedurrà il tuo bambino, quindi di solito ti verrà consigliato di non allattare al seno. Eroina, cocaina, "polvere d'angelo" (PCP) e allucinogeni (come l'LSD) sono tra le sostanze più pericolose; tuttavia, la cannabis, le amfetamine e altre droghe sintetiche di abuso comportano anche notevoli rischi.

Posso fumare durante l'allattamento?

La nicotina (nel tabacco) è anche una droga. Il fumo passivo è associato ad un aumentato rischio di sindrome da morte improvvisa infantile (SIDS) e ad un aumento dei tassi di malattie respiratorie, inclusi problemi a lungo termine come l'asma.

Se fumi, dovresti cercare di arrenderti, non solo per la salute del tuo bambino ma anche per il tuo. La terapia sostitutiva con nicotina (NRT) può aiutarti. Sebbene la NRT non sia autorizzata per l'uso nelle madri che allattano al seno, la quantità di nicotina a cui il bambino è esposto è considerevolmente inferiore rispetto al fumo e, soprattutto, il bambino non è esposto a tutte le altre sostanze chimiche velenose (tossiche) presenti nel fumo di sigaretta.

Posso bere alcolici se allatto al seno?

Idealmente, mantenere il consumo di alcol al minimo durante l'allattamento. L'alcol passa liberamente nel latte materno e i livelli nel latte materno sono simili a quelli del flusso sanguigno della madre. L'esposizione a lungo termine di un bambino allattato al seno a più di due unità di alcol al giorno può avere un effetto negativo sullo sviluppo del bambino.

Un consumo sociale molto occasionale non causerà danni al bambino, purché sia ​​sensibile e attento, magari bevendo un bicchiere di vino per un'intera serata in modo che i livelli di alcol nel sangue non aumentino mai molto.

Chi può consigliarmi sulle mie preoccupazioni per l'allattamento al seno?

Se hai qualche preoccupazione o preoccupazione sull'allattamento al seno, un visitatore della salute, un'ostetrica, un consulente per l'allattamento al seno o un medico generico saranno felici di aiutarti. La maggior parte delle difficoltà può essere superata.

Ci sono un certo numero di organizzazioni che possono anche offrire aiuto e consigli. Spesso, c'è un laboratorio locale di allattamento al seno o una clinica, dove puoi frequentare il tuo bambino per un aiuto professionale e pratico.

Posso allattare durante la gravidanza?

È assolutamente possibile allattare al seno durante la gravidanza. È anche possibile alimentare in tandem, il che significa allattare al seno un bambino e il fratello maggiore. Alcune donne scoprono che il loro bambino che allatta inizia a rifiutare il latte e sembra essere svezzamento durante la gravidanza, il che può essere dovuto al fatto che il gusto del latte sta cambiando verso il colostro, ma non è sempre così.

Quando dovrei smettere di allattare?

Quanto dovresti allattare?

L'allattamento al seno per ben sei mesi, fino allo svezzamento, è l'ideale in quanto dà a te e al tuo bambino tutti i benefici per la salute dell'allattamento al seno.

Oltre a questo, decidere quando smettere di allattare è di solito una scelta personale. Tornando al lavoro, il tuo bambino sta diventando più giovane (con i denti) e ulteriori gravidanze possono avere un ruolo in questa decisione, e alcune donne hanno la sensazione di "voler indietro i loro corpi". Non c'é giusto o sbagliato.

In generale, per interrompere l'allattamento al seno si riduce il numero di allattamenti al seno, sostituendoli con mangimi in formula (in bambini di età inferiore ad 1 anno) o latte normale (nei bambini più grandi). Spesso l'ultimo feed del giorno prima di dormire è il feed finale da eliminare.

Sebbene questo volantino sia inteso a promuovere l'allattamento al seno e i suoi benefici per la madre e il bambino, alcune donne sceglieranno di nutrire il loro bambino per motivi personali, fisici o di salute. Se scegli di nutrire le formule, non dovresti sentirti in colpa o aver fallito perché non hai o non potevi allattare. Hai già fatto un grande affare portando il tuo bambino attraverso una gravidanza di successo. L'allattamento al seno è solo una delle tante altre cose che puoi fare per crescere sano e felice. I mangimi di formula forniscono un'alimentazione eccellente per il tuo bambino. Una volta deciso cosa fare, è importante che chi ti è vicino sostenga le tue decisioni.

Posso tornare ad allattare se mi sono fermato?

Questo può richiedere perseveranza, ma tu puoi. L'allattamento al seno può essere stabilito per mesi dopo la nascita, anche se inizialmente è stato nutrito artificialmente, ed è persino possibile stabilire l'allattamento al seno in una donna che non è stata incinta (ad esempio dopo l'adozione).

Come viaggiare in sicurezza durante la gravidanza

Opzioni di prevenzione dell'ictus di fibrillazione atriale