Perché la sifilide è in aumento?
Caratteristiche

Perché la sifilide è in aumento?

Autore di Sally Turner Pubblicato su: 5:45 AM 09-Aug-18

Recensito da Dr Sarah Jarvis MBE Momento della lettura: 5 min

La sifilide è spesso considerata come una malattia arcaica, ma le diagnosi l'anno scorso sono aumentate di livelli non visti dal 1949. Esaminiamo la ripresa di questa infezione sessualmente trasmessa, scopriamo chi è a rischio e osserviamo cosa si può fare per prevenire la trasmissione.

La sifilide è stata a lungo considerata una malattia "storica" ​​di scarsa rilevanza nel 21st secolo. E 'stato, infatti, sradicato nel Regno Unito durante la metà degli anni '80 ed è ancora relativamente poco comune, rappresentando meno del 2% delle infezioni sessualmente trasmesse (IST) diagnosticate nel 2017. Tuttavia, i casi sono raddoppiati negli ultimi dieci anni e il l'infezione è prevalente in particolari comunità, con Londra che è più colpita di qualsiasi altra regione.

Sifilide: causa ed effetto

La sifilide è causata dal batterio Treponema pallidum. È altamente contagioso e trasmesso attraverso il contatto diretto con una piaga della sifilide (ulcera) - tipicamente durante il sesso vaginale, anale o orale con una persona infetta; l'infezione è trasmissibile anche attraverso il flusso sanguigno, quindi un uso di droghe per via endovenosa così condiviso e prodotti ematici non schermati rappresentano anch'essi un rischio.

La sifilide progredisce attraverso una serie di fasi. La fase primaria si verifica tra 10 giorni e tre mesi dopo l'infezione iniziale e solitamente causa un'ulcera indolore sui genitali o sulla bocca che guarisce da sola. Alcune settimane dopo, se l'ulcera iniziale non viene curata, compaiono i segni della sifilide secondaria.

I sintomi comuni possono includere un'eruzione diffusa (che spesso colpisce i palmi delle mani e le piante dei piedi), linfademi gonfiati, mal di gola, sintomi simil-influenzali, dolori muscolari, articolazioni e febbre. Questi sintomi possono andare e venire fino a due anni. Dopo questo periodo, una persona con la sifilide non è più considerata contagiosa.

Durante la terza fase "latente", potrebbero non esserci sintomi per molti anni. Alcune persone rimarranno in buona salute generale, ma per una percentuale la malattia progredirà fino alla fase terziaria e potrebbe causare danni significativi al cuore, al cervello, al sistema nervoso, alla pelle e alle ossa; questo può essere debilitante e persino pericoloso per la vita.

Chi è a rischio?

Secondo una ricerca di Public Health England (PHE), il recente aumento della sifilide è stato più significativo tra gli uomini delle comunità gay e bisessuali.

"Il rapporto PHE mostra che gli uomini che fanno sesso con uomini rappresentano il 78% delle diagnosi di sifilide nel Regno Unito", afferma Debbie Laycock, responsabile della politica presso il Terrence Higgins Trust. "Il comportamento sessuale sta cambiando e le persone hanno più probabilità di avere più partner e di usare il preservativo meno spesso".

"Potrebbe anche essere collegato al sesso di gruppo facilitato da app di condivisione della posizione e 'chemsex'", aggiunge la dott.ssa Gwenda Hughes, consulente scientifica e capo della sezione STI al PHE.

Il termine "sesso femminile" si riferisce all'attività sessuale sotto l'influenza di droghe ricreative, che possono offuscare il giudizio e rendere più probabile un comportamento sessuale a rischio.

"Sappiamo anche che non tutti gli uomini gay stanno testando la frequenza che raccomanderemmo", dice Laycock. "Se hai nuovi partner o cambi partner frequentemente, ti consigliamo di testare le IST e l'HIV almeno ogni tre mesi e non tutti quelli che devono sottoporsi a test regolarmente lo fanno".

Tagli ai servizi di salute sessuale

Il governo ha affrontato critiche da parte di enti di beneficenza e medici per ridurre la spesa per servizi di salute sessuale del NHS, che alcuni dicono che contribuisce ad una maggiore prevalenza di sifilide e altre infezioni sessualmente trasmissibili.

"Spesso i servizi di salute sessuale sono troppo lontani, non aperti a orari convenienti o troppo occupati perché le persone possano accedervi quando necessario", continua Laycock. "I recenti tagli ai finanziamenti per i servizi di salute sessuale rischiano di esacerbare il problema rendendo ancora più difficile per le persone accedere ai servizi di cui hanno bisogno".

Tuttavia, PHE è ansioso di contrastare questa visione.

"Nel complesso, abbiamo assistito a un aumento a livello nazionale del numero di presenze alle cliniche per la salute sessuale e il numero di schermi dal 2013, il che suggerisce che le persone sono ancora in grado di accedere ai servizi", commenta Hughes. "Ci sono stati piccoli cali nei test in alcune regioni del paese e vorremmo incoraggiare le autorità locali e i commissari di servizio a indagare sull'impatto di questi cambiamenti".

Cosa si può fare per contenere l'epidemia?

Poiché la sifilide può avere un lungo periodo di latenza - e i sintomi iniziali possono essere lievi o scambiati per altri problemi di salute meno gravi - non è raro che le persone infettate trasmettano la malattia senza rendersi conto di essere infette.

L'educazione completa alla salute sessuale è fondamentale in tutte le comunità, per cambiare i comportamenti e ridurre la trasmissione.

"In primo luogo, dobbiamo garantire che ogni giovane riceva appropriate relazioni LGBT-inclusive e educazione sessuale (RSE) a scuola, così diventano consapevoli di come avere una vita sessuale sana", dice Laycock. "È fondamentale investire anche in campagne efficaci di salute pubblica che continuino a educare gli omosessuali sulle infezioni sessualmente trasmissibili, su come prevenirli e dove andare a essere testati e trattati e ad investire in buoni servizi di salute sessuale che sono di facile accesso e forniscono test con una rapida inversione dei risultati. "

Secondo Hughes, la PHE sta lavorando a stretto contatto con le organizzazioni delle parti interessate per ridurre le diagnosi di sifilide in tutto il paese, in particolare negli uomini che fanno sesso con la comunità maschile.

"C'è anche stato un aumento più modesto delle diagnosi tra gli eterosessuali", dice Hughes, "che stiamo studiando per determinare se siano necessari ulteriori interventi in questa popolazione".

Dove cercare aiuto

Se pensi di avere la sifilide, è fondamentale sottoporsi al test del tuo medico di famiglia o della tua clinica locale per la salute sessuale. I sintomi possono simulare quelli di altre condizioni di salute, che possono essere fonte di confusione.

"I sintomi a volte possono essere simili a quelli di altre malattie sessualmente trasmissibili", afferma Laycock. "L'herpes può anche causare ulcere genitali ei sintomi dell'infezione precoce da HIV (sieroconversione dell'HIV) sono gli stessi della sifilide secondaria".

L'infezione può essere facilmente trattata e curata con antibiotici, ma l'emergenza di ceppi resistenti agli antibiotici è una preoccupazione e rende la prevenzione ancora più importante. Una volta diagnosticata, è importante frequentare la clinica per ripetere gli esami del sangue dopo il trattamento per verificare che l'infezione sia scomparsa.

"Avere una sifilide una volta non significa che non puoi riprenderlo, quindi praticare il sesso sicuro e fare controlli regolari è importante", aggiunge Laycock.

Visita i nostri forum

Vai ai forum dei pazienti per cercare supporto e consigli dalla nostra comunità amichevole.

Partecipa alla discussione

Svenimento Collapse

Valutazione del rischio per la salute cardiovascolare